mtb-pedia: l'enciclopedia del mondo della mountain bike

Bike MTB


Mercatino BICI usate

mtb-pedia: l'enciclopedia del mondo della mountain bike

Vogliamo elencare in questa pagina le parole e i termini più usate nel mondo mtb, questo costituisce una specie di vocabolario o enciclopedia della mountain bike. Alcuni termini sono tratti  da http://www.29pollici.com/glossario.
Potete cercare per lettera iniziale o inserire la parola nel form qui sotto



A  B  C  D  E  F  G  H  I  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  Z  


Attualmente ci sono 40 termini inseriti, l'ultimo inserito è O.V.

2   SU

24 ore: Sono gare di durata che si svolgono nell`arco temporale di 24 ore. Il percorso è sempre un circuito, caratterizzato da sentieri quasi interamente sterrati (più o meno ripidi), e la gara si svolge a squadre. Le squadre sono composte da un solo atleta oppure in numero variabile fino a 12, suddivisi in categorie differenti. Il vincitore della gara corrisponde alla squadra che nell`arco di 24 ore ha percorso il maggior numero di giri del circuito. Esiste un circuito delle più importanti endurance italiane nato nel 2004 chiamato 24 CUP MTB che lega la 24 ore di Finale Ligure (la prima 24 ore in Italia), la 24 ore del Palladio, la 24 ore di Cremona, la 24 ore Lago di Idro, la 24 ore della Val d`Orcia, la 24 ore di Porticella, la 24 ore Val Rendena e la 24 ore di Roma.

3   SU

3M: Proprietà riflettente per massima visibilità anche in condizione di luce piatta.

A   SU

Altezza Movimento Centrale: (Bottom Bracket Height): distanza da terra dell’asse del Movimento Centrale. Se ridotta rende la mtb più facile ma a rischio d’urto dei pedali e della guarnitura con eventuali ostacoli. Ci sono telai che ne permettono la regolazione, modificando gli attacchi dell’ammortizzatore posteriore o sostituendo i forcellini del carro. La tendenza di questi anni è a favore di un certo abbassamento.

Attacco Manubrio o PIPA: chaiamto anche Stem indica il diametro delcollarino, se non indicato, significa che è nello standard mtb, cioè per manubri da 25,4 mm. Se indicato “over-size” (O/S) è per manubri da 31,8 mm. Attenzione che quest’ultimo standard è comune anche al corsa su strada, mentre per i diametri più ridotti, ed ancora diffusi, gli attacchi corsa non sono compatibili con l’utilizzo in mtb e viceversa. Per l’attacco alla forcella, quando non è indicato significa che è nello standard comune anche al corsa su strada, cioè 1-1/8” (28,6 mm) riferito al diametro esterno del cannotto forcella. Può pure essere OnePointFive (1,5” o 38,1 mm).

Avancorsa: (Trail) Indica la distanza tra l’incrocio della verticale dell’asse Mozzo Anteriore sul terreno e l’incrocio del prolungamento dell’asse di Sterzo sul terreno. Valore determinante la risposta di guida del mezzo .In dettaglio:distanza espressa in millimetri tra la proiezione a terra della perpendicolare passante per il centro della ruota e l`asse di rotazione della forcella. Questo valore è positivo quando l`asse di rotazione cade anteriormente alla perpendicolare della ruota, altrimenti il suo valore è negativo. L`avancorsa si distingue dall`incidenza non solo perché misurata in millimetri e non in gradi, ma anche perché l`asse di rotazione della ruota non è vincolato a passare per il centro della ruota stessa, mentre nel caso dell`incidenza deve forzatamente passare per il centro. Un indice di avancorsa elevato porta a una maggiore stabilità direzionale (facendo inclinare il mezzo da un lato lasciando la forcella libera, la moto/bicicletta tenderà a far ritornare la moto dritta) e minore sensibilità alle imperfezioni della strada/suolo, mentre un indice di avancorsa ridotto porta a effetti opposti, ma a una migliore maneggevolezza, precisione e scioltezza nell`inserimento in curva (maggiore velocità nel cambio di direzione). Questo valore può essere variato non solo con la variazione di "Offset" e "l`inclinazione dello sterzo", ma anche con: Sostituzione delle ruote più diventano grandi e maggiore diventerà l`avancorsa Sostituzione pneumatici utilizzando pneumatici che aumentano/diminuiscono il diametro della ruota Pressione pneumatico Sfilamento forcelle, più le forcelle sono lunghe e più si aumenta l`inclinazione dello sterzo .

AVANTRENO: E` la misura della distanza tra il centro dei forcellini anteriori e il centro della scatola del movimento centrale. A questa misura concorrono, oltre che il valore del rake e dell`angolo di sterzo, anche la misura del top tube che contribuisce ad allontanare più o meno la parte anteriore della bici.

Avanzamento Forcellini: (Rake oppure Offset): avanzamento dell’asse del Mozzo Anteriore rispetto al prolungamento dell’asse del Cannotto Forcella. Influenza il valore di Avancorsa finale.

C   SU

Carro Posteriore: Chainstays/foderi bassi): identifica l’insieme dei foderi bassi ed alti, oppure il forcellone tipico di alcune costruzioni a fulcro singolo, ma al tempo stesso anche la distanza tra gli assi del Movimento Centrale e del Mozzo Posteriore. A pari dimensionamento dei foderi, un carro più corto è più performante in termini di rigidezza, ma più critico negli incroci catena e più in difficoltà sul ripido in salita e nelle discese veloci, soprattutto nelle taglie più grandi.

Centerlocks e Centerlock o/s: (zona freni a disco)riferito al fissaggio del disco al mozzo mediante ghiera filettata. Il primo è standard ed il secondo, avente un diametro maggiorato, è riservato al solo freno Shimano Saint prodotto fino al 2008 compreso.

Challenge: termine generico per indicare una Gara sportiva in cui si assegna un titolo o un trofeo che va rimesso in palio dopo un tempo prefissato; il titolo, il trofeo stesso

Copertone: Gli pneumatici si dividono in due categorie: quelli muniti di camera d`aria (in inglese tube) e quelli che ne sono privi (tubeless). Con camera d`aria (tube type): La camera d`aria racchiude l`aria compressa per ottenere un effetto di adattamento e sospensione della MTB dal terreno. La copertura è fatta di gomma (in passato naturale, ora sintetica per trasmettere e ricevere gli attriti radenti e volventi che si generano con il movimento) e tele di fibra o di metallo. Senza camera d`aria (tubeless): La copertura, fatta di gomma (anche qui, in passato naturale ed ora sintetica) e tele di fibra o di metallo, è costruita in modo da trasmettere e ricevere gli attriti radenti e volventi che si generano con il movimento. Essa funge anche da camera d`aria. La misura indicata in pollici (per esempio 2.10”) può trarre in inganno in quanto non esiste uno standard di misurazione affidabile, anche se si sta cercando di introdurre il GMS che con le misure (in mm) di larghezza carcassa ed ingombro tasselli.

Crank: manopole

Cross country : (XC): Le gare di cross country, spesso abbreviato in XC, sono competizioni ciclistiche effettuate in mountain bike su terreni misti in circuiti ripetuti più volte (generalmente tra 1 e i 5 giri). La gara è divisa in categorie: secondo l`UDACE (Unione degli Amatori Ciclismo Europeo) si percorre un minigiro della lunghezza che va da 8 a 10 km per i Primavera (i più giovani), un giro completo che va da 20 a 30 km per debuttanti e donne, e per tutti gli altri due o più giri.È ammessa assistenza tecnica ai corridori (nelle gare agonistiche FCI). Solitamente si usano mountain bike front-suspended con sospensioni da 80-100 millimetri di escursione. Sono altrettanto ammesse, per gare già più orientate verso il marathon, biciclette full-suspended da 100-120 millimetri.Le competizioni di cross country in genere non prevedono percorsi più lunghi di 25-30 chilometri, con salite generalmente brevi ma ripide e discese tecniche, e possono includere tratti asfaltati o comunque non su terreno sterratoCross country (spesso abbreviato in XC) in inglese significa "fuoristrada" ed è un termine ampiamente utilizzato in numerosi sport per indicare gare campestri di velocità

D   SU

Down hill: Il downhill, abbreviato come DH, è una competizione della mountain bike. Si svolge a cronometro individuale, completamente in discesa, su tracciati di differente grado di difficoltà e lunghezza da 1 a 4 chilometri. È inserito nel calendario UCI della coppa del mondo dal 1993 ed è abbinato come località e come date agli eventi di dual slalom e four-cross, e a volte anche di cross country. Il downhill è praticato solitamente con bici dal telaio molto robusto e con escursioni alla ruota posteriore che vanno dai 170 ai 240 millimetri e oltre. In questa disciplina i concorrenti indossano delle protezioni molto robuste e caschi integrali in stile motocrossistico, poiché nelle competizioni le velocità arrivano anche a superare gli 80 km/h. La bici da downhill moderna deve essere leggera e agile per permettere accelerazioni e frenate più rapide: a volte si preferisce sacrificare la durata dei componenti privilegiandone la leggerezza.

F   SU

Fading del freno : (termine universale) riduzione progressiva della capacità frenante in seguito ad utilizzi intensi e prolungati.

FORCELLA: La forcella in una bicicletta è la parte anteriore del telaio che accoglie la ruota anteriore. Il nome deriva dalla forma della stessa, formata da un tubo che si fissa al telaio mediante la serie sterzo e da due bracci che sostengono il mozzo della ruota anteriore. La forcella è sempre predisposta ad accogliere alcune sovrastrutture: * Dispositivo frenante, sono presenti, ad esempio, i due alberini per i cantilever/V-brake, mentre presenta all`unione dei bracci un foro passante destinato altri tipi di freno * Supporto catadiottro presenta all`unione dei bracci un foro passante destinato all`inserimento di un catadiottro bianco * Sostegno dinamo presente nelle bici da passeggio * Ancoraggi parafanghi presente nelle bici da passeggio I materiali con cui è costruita la forcella variano: * Acciaio (cromato o verniciato) * Carbonio (usualmente con stelo in alluminio) * Fibre di carbonio, che grazie all`impiego delle nanotecnologie per indirizzare in modo selettivo sfozi, vibrazioni e resistenza * Alluminio, sono oggi poco usate le forcelle completamente in alluminio in quanto non assorbono adeguatamente le vibrazioni. Forcella-bici-profilo.jpg Le forcelle sono predisposte per accogliere una ruota di una certa dimensione ed una misura caratteristica è il rake, cioè la distanza fra l`asse della ruota e la proiezione del tubo dello sterzo misurata sul piano perpendicolare alla proiezione. Un rake ridotto, eventualmente zero, da una maggior rigidità e una miglior reattività della bicicletta, pena una maggior difficoltà di guida. In sintesi, stabilita la destinazione d`uso che deriva dal progetto del costruttore, le caratteristiche sono: peso, lunghezza (dei bracci), diametro del gambo (steerer), rake, colore, materiale, tecnologia impiegata nella costruzione. MTB: Le misure delle forcelle dipendono anche dal diametro della ruota: 26,28 o 29. per le mtb lo standard e 26 e meno usato è il 29. Il diametro degli steli è ormai standard di 32mm tranne alcune che usano ancora il 26-28mm. Il peso delle forcelle scende man mano che aumenta il prezzo e aumenta l`uso di materiali sofisticati e ricercati; una forcella ad elastomeri e corsa ridotta(80mm) può pesare da 2kg a 2,5; poi si passa alla fscia media(fino a 1,9kg)con anche più reglazioni; e infine si arriva al top con forcelle che sfiorano 1,2kg, vedi quasi 1kg per la monobraccio cannondale. Ogni forcella ha una sua altezza, e anche a corsa uguale, possono esserci variazioni. Il diametro del canotto è standard 1e1/8, new entry sono i canotti da 1e1/2 + 1e1/8(fox, rockshox), sulle bici da enduro e freeride, e discipline dove serve più rigidità. La misura dell`asse della ruota deve essere uguale alla forcella; il più comune è il 9mm, new entry sono il 20mm(tipo maxle lite rockshox)e il 15mm, per assicurare più rigidità. Forcelle ammortizzate Nelle mountain bike da parecchi anni si usano forcelle ammortizzate mediante un sistema pneumatico o idraulico per favorire l`assorbimento delle asperità del terreno, in modo del tutto analogo ai motocicli. Esistono svariate tipologie di forcelle ammortizzate, principalmente si usano forcelle tradizionali, rovesciate e nel caso di biciclette vintage si usano il classico sistema springer. Anche gli accorgimenti della sospensione e dell`ammortizzatore sono medesimi, inoltre con le forcelle da bici si ha anche la possibilità di bloccare la forcella, in modo che funzioni come una forcella classica (rigida).

G   SU

Geometria forcella: La geometria della forcella è l`insieme delle principali misure (lunghezze e angoli) che definiscono una particolare configurazione, dove questi parametri hanno una grande influenza sulla guidabilità della bicicletta. Le misure sono: 1 Inclinazione sterzo 2 Offset 3 Lunghezza e corsa 4 Avancorsa 5 Voci correlate 6 Collegamenti esterni

Gran fondo (GF): Nella mountain bike le gran fondo variano rispetto alla corsa su strada, il chilometraggio è generalmente più basso si varia dai 40 ai 60 km, oltre i 60 km non si parla più di gran fondo ma di Marathon

I   SU

Idroformatura: L`idroformatura è un processo che utilizza l` imissione di un fluido idraulico, portato ad elevatissima pressione, per lavorazione di tubi inseriti in uno stampo. La spinta esercitata dal fluidoall`interno del tubo permette al metallo di aderire alle pareti dello stampo e di definire la forma finale desiderata. L`idroformutura oltre alla possibiltà di dare alle tubazioni le forme desiderate, conferisce al metallo migliori performance meccaniche e tecnologiche, ma soprattutto incrementa la rigidità torsionale e quella laterale. Idroformatura di tubo Rispetto alle tecnologie tradizionali, l`idroformatura presenta diversi vantaggi quali: * * Possibilità di ottenere migliori performance meccaniche e tecnologiche dal prodotto. * Risparmio complessivo dettato sia dal costo inferiore degli stampi che delle attrezzature secondarie. * Più libertà creativa per progettisti e designer che possono contare non solo su strutture dalle forme più complesse ma anche sul rigore estetico delle superfici realizzate, assolutamente perfette.

Inclinazione Sterzo: Determina l`inclinazione rispetto all`asse verticale (alcuni costruttori lo riferiscono in base all`asse orizzontale) ed è importante per determinare l`avancorsa. Questa misura può essere variata con: Lunghezza delle forcelle, più si aumenta tale lunghezza e più aumenta tale angolo. Modificazione inclinazione dell`alloggiamento del perno forcella alcune aziende forniscono motociclette con telai capaci di variare tale inclinazione. Spostando il punto d`aggancio della ruota da avanti a dietro o viceversa su alcune forcelle con l`asse ruota spostato rispetto alle forcelle, quindi avanzato o arretrato, si può ruotare il supporto della ruota e invertirne la posizione, ma richiede nel maggior dei casi utilizzare un nuovo supporto della pinza o modificare quello esistente

INT`L STD: (zona freno a disco): se riferito all’attacco della pinza, identifica la sua tipologia ed è riconoscibile per la presenza di due fori non filettati e con assi perpendicolari al piano ruota. L’interasse tra i due fori è di 51 mm. Se invece riferito al disco o al mozzo, identifica il fissaggio del disco al mozzo stesso mediante 6 viti aventi gli assi disposti su una circonferenza di diametro 44 mm.

L   SU

Lunghezza e corsa (forcella an: La lunghezza di una forcella è misurata dalla fine del punto di fissaggio alle piastre (o perno centrale nel caso questo sia tutt`uno con la forcella) al centro di fissaggio della ruota. La corsa è data dall`escursione della sospensione, dove maggiore sarà l`escursione e maggiore sarà la capacità filtrante della sospensione, dato che potrà assorbire dislivelli/imperfezioni maggiori, ma ci sarà una maggiore variazione dell`avancorsa. La lunghezza nelle forcelle ammortizzate può essere variata con: Aumento del precarico variazione della lunghezza a riposo e in modo costante durante l`uso Sostituzione della molla irrigidendo la molla, si può aumentare leggermente la lunghezza a riposo, riducendo la variazione della lunghezza in compressione (a parità di sollecitazione ci sarà una minore compressione)

M   SU

Marathon o Granfondo: (GF): Marathon o Granfondo (GF) è un termine utilizzato per indicare gare ciclistiche in mountain bike effettuate su percorsi in linea di lunghezza solitamente per GF si parla tra 40 e 60 km superiore ai 60 km si parla di Marathon. Il tipo di percorso è molti simile a quello di una competizione di Cross Country, si percorrono strade bianche, single track e sentieri; il dislivello da percorrere è variabile, solitamente questo tipo di gare viene corso in zone collinari e montane e il dislivello complessivo può superare anche i mille metri. La marathon italiana più importante (sulla base del numero degli iscritti) è la Dolomiti Superbike che si corre ogni anno in Trentino-Alto Adige. La differenza con il Cross country, sta nella durata (3ore o più per le marathon, 1h massimo 2h per il crosscountry) e nel fatto che nelle marathon si percorre il tracciato una sola volta, mentre nel crosscountry si percorre più volte lo stesso circuito.

Mescola pastiglie Freno a Disc: (Disk Brake Pads)Si dividono in 2 categorie Metalliche e Organiche Sinterizzate Metalliche = potenzialmente le più performanti, ma anche le più soggette ad eventuali vibrazioni e rumorosità, quando contaminate o danneggiate a causa di surriscaldamenti superficiali. Sono anche le più costose. Organiche = le più morbide e modulabili sul disco anche se meno performanti in termini assoluti. Spesso le preferite, anche perché più economiche. Semimetalliche = una via di mezzo tra le prime due, pure nel prezzo.

Mozzo: (Hub) 142, 150 o 165 mm: battuta interna dei forcellini posteriori maggiorata rispetto allo standard di 135 mm e che richiede quindi un mozzo dedicato. Attenzione che spesso con le battute da 150 o 165 mm il carro del telaio è asimmetrico (verso dx) e quindi necessita del montaggio di una ruota con il cerchio spostato a sx.

O   SU

O.V.: Orizzontale Virtuale è la misura della distanza tra sterzo e cannotto sella rilevata su in piano orizzontale

Offset: Questa misura (Offset positivo) quantifica lo spostamento anteriore (distanza) del centro della ruota rispetto l`asse formato dalla timoneria (asse di rotazione delle forcelle). Questa misura è importante per determinare/variare l`avancorsa. Questa misura può essere variata con: Cambio delle piastre dello sterzo Rimodellando le forcelle nel caso queste siano fisse

P   SU

Perno passante: Thru-Axle): perno fornito dal costruttore della forcella o del telaio. Ha diametro maggiorato rispetto allo standard: 15 o 20 mm anziché 9 mm all’anteriore e 12 anziché 10 mm al posteriore. Lo scopo è di garantire accoppiamenti decisamente più rigidi, ma richiede mozzi, forcelle e telai appositamente predisposti.

Post Mount: (per freni adisco)riferito all’attacco della pinza e riconoscibile per la presenza di due fori filettati (interasse 74 mm) paralleli al piano ruota.

R   SU

Reggisella: (Seatpost):è il termine tecnico con cui ci si riferisce al tubo della sella delle biciclette; Può essere fatto di vari materiali: acciaio (usualmente cromato), alluminio e nei modelli più recenti in fibra di carbonio.I diametri oggi considerati standard sono 31,6 / 30,9 e 27,2 mm. Per diametri diversi è consigliabile accertarne preventivamente la disponibilità. Esiste sul mercato un sistema di accoppiamento con la sella denominato I-Beam, per il quale la sella non è dotata del classico carrello ma di un particolare profilo centrale.

Roll-Over: capacità di passare oltre gli ostacoli

S   SU

SAG: (riferito alle sospensioni) misura l’affondamento dell’unità ammortizzante con il biker in sella ed è utilizzato per la prima taratura. Generalmente riferito in percentuale (10-35%) rispetto alla corsa ammortizzata totale.

Seat Tube: Tubo PIANTONE tubazione nella quale si inserisce il Reggisella (o direttamente la Sella, se il Reggisella è integrato al Telaio come in alcuni rari modelli).

Serie Sterzo: Headset) La serie sterzo è un insieme di componenti per biciclette permette la rotazione della forcella tramite l`azione sul manubrio. La serie sterzo è composta da: Stelo forcella, tradizionalmente lo stelo della forcella fissa o lo stelo delle piastre delle forcelle ammortizzate è filettato (filettatura 25.4 mm x 24 tpi) Cuscinetti sono previsti due cuscinetti a sfere, che alloggiano nell`apposita sede che viene inserita a pressione nel telaio. Canotto di sterzo porzione del telaio che permette l`alloggio del perno forcella e dei cuscinetti Sistema di fissaggio, il modello standard prevede l`uso di ghiere, mentre il modello a-head prevede l`uso integrale del fissaggio del portamanubrio, il quale ora ha il compito non solo di tenere il portamanubrio, ma anche di tenere adeso la serie sterzo Portamanubrio elemento che permette il collegamento tra manubrio e stelo forcella Esistono vari modi per la regolazione tenuta della serie sterzo: filettata o standard, lo stelo che penetra nel canotto di sterzo del telaio (filettato all`estremità), in modo che con il sistema del doppio dado, si può regolare il gioco d`accoppiaggio dei cuscinetti e evitare la staratura a-head o integrate, non presentano la filettatura dello stelo e la regolazione del gioco d`accoppiaggio dei cuscinetti avviene tramite il serraggio del portamanubrio o della piastra di sterzo superiore sul perno stesso, con o senza l`interposizione di spessori. A parte sistemi proprietari di un singolo marchio (es: Cannondale HeadShok), gli standard attuali sono (per un dettaglio vedi www.canecreek.com): Tradizionale: con Calotte inserite per interferenza nel Telaio. Diam. interno Tubo Sterzo 33,95 mm (1-1/8”) o 49,6 mm (1,5”). Integrato: con cuscinetti che alloggiano su sedi ricavate dentro il Tubo Sterzo, avente diametro interno 41,2 mm (1-1/8”). Semi-Integrata/Zero Stack: con cuscinetti contenuti in Calotte che spariscono (trattenute da un basso spallamento esterno) dentro il Telaio e che vengono inserite per interferenza. Diametro interno Tubo Sterzo 44 mm (1-1/8”) o 55,95 (1,5”). Conica: (Tapered) 1,5” (anche 1-1/4” nel corsa) inferiormente e 1-1/8” superiormente, anche di tipologia mista (tra quelle sopra citate).

Spurgo del freno idraulico: SPURGO del freno idraulico (Bleeding): intervento di manutenzione periodicamente necessario in quanto l’olio idraulico assorbe nel tempo umidità, la quale, per effetto del calore generato dalla frenata, può evaporare creando inizialmente una certa spugnosità di risposta alla leva, fino ad arrivare al cosiddetto “Vapor-Lock” che inibisce anche totalmente il funzionamento del freno.

Standover: indica la distanza tra la parte superiore del Tubo Orizzontale (a metà del tubo stesso) ed il terreno.

T   SU

Trail: Pista

Tubo orrizzontale virtuale: lunghezza reale del Telaio. Non viene pertanto misurata la lunghezza fisica della tubazione stessa, perché influenzata dalla sua inclinazione (sloping) rispetto all’orizzontale, ma la distanza virtuale tra l’asse del Tubo Piantone e l’asse del Tubo Sterzo, quindi la più importante.

Tubo sterzo: (Head-Tube): ospita il Cannotto Forcella. La sua inclinazione modifica il comportamento della bici in quanto varia l’Avancorsa (influenzata anche dal Rake). Angoli più verticali riducono l’avancorsa e quindi favoriscono la facilità e la prontezza di conduzione del mezzo a velocità ridotte (per questo ci sono forcelle abbassabili in salita). Viceversa, angoli più distesi favoriscono la stabilità sul veloce, a discapito della reattività.

U   SU

Unità di Misura: CONVERSIONE UNITA’ DI MISURA 1 pollice (inch/”) = 2,54 cm
1 libbra (pound/lbs.) = 0,453 Kg
1 oncia (ounce/oz.) = 28,35 g